Gnocchetti sardi al pesto di carciofi

Il carciofo è una pianta conosciuta da secoli per le sue proprietà medicinali. Uno dei suoi principali composti, la cinarina, è nota per le sue proprietà protettive sul fegato.
In cucina si consumano i fiori della pianta ma molti non sanno che è possibile utilizzarne anche i gambi.

Ingredienti per 1 persona

  • 60 g di gnocchetti sardi
  • 1 carciofo tenero
  • brodo vegetale preparato da fresco
  • 20 g di Parmigiano grattugiato e 20 g di scaglie
  • mezzo limone
  • 3 cucchiaini di olio extravergine di oliva
  • 1/2 cipolla di Tropea o cipolla bianca

Preparazione

Scegliere un carciofo abbastanza tenero. Eliminare le foglie esterne più dure e metterlo in ammollo in acqua e succo di limone per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, sciacquare il carciofo sotto acqua corrente e tagliarlo in fette sottili.
In una padella far rosolare la cipolla di Tropea, tagliata a fette sottili, in un cucchiaino di olio per un paio di minuti, aggiungere le fettine di carciofo e bagnare il tutto con un mestolo di brodo vegetale caldo. Proseguire la cottura, aggiungendo di tanto in tanto il brodo, finché l’ortaggio non si ammorbidisce.
A questo punto trasferire metà del carciofo in un contenitore adeguato, aggiungere due cucchiaini di olio extravergine di oliva e 20 g di Parmigiano grattugiato. Frullare fino ad ottenere una crema omogenea.
Nel frattempo cuocere gli gnocchetti in acqua bollente salata. Una volta al dente, versarli in padella con i carciofi interi, rigirarli nel sugo per 1 minuto e aggiungere il pesto ottenuto a parte. Mescolare bene il tutto e spegnere la fiamma. Servire il tutto ben caldo e cosparso di scaglie di Parmigiano.

Valori nutrizionali per 1 porzione

  • kcal  520
  • Carboidrati  51,4 g
  • Proteine  23,6
  • Grassi: 25,6
  • Calcio 632 mg
  • Fosforo  486 mg

Ricetta dall’ interessante contenuto in calcio e fosforo. Ricopre, infatti, per un adulto medio, circa la metà del fabbisogno giornaliero di entrambi i minerali. Può considerarsi un piatto unico.

Stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *